Warning
  • Direttiva EU sulla e-Privacy

    Questo sito fa uso di cookies tecnici per gestire il login, la navigazione ed altre funzioni. Utilizzando il nostro sito, date l'assenso a che questi cookies vengano salvati sulla vostra macchina.

    Guarda la Privacy Policy di Cercat

Come Ottenerla PDF Stampa E-mail

1.La visita

Dopo l'abolizione della categoria delle patenti F, al disabile che voglia guidare un autoveicolo, possono essere rilasciate le patenti A, B, C o D speciali

Per ottenere il riconoscimento di idoneità il disabile deve sottoporsi ad una visita presso l'apposita Commissione Medica Locale (ne è presente almeno una per ogni provincia). La prenotazione della visita di idoneità può essere fatta presso la segreteria della Commissione Medica Locale per le patenti, presentando un certificato medico redatto su un apposito modulo compilato e un documento di riconoscimento. Durante la visita di accertamento il disabile può presentare ulteriore documentazione clinica (purché rilasciata da un servizio di riabilitazione o da uno specialista della propria malattia invalidante) e farsi assistere, a proprie spese, da un medico di fiducia. Nel caso in cui la Commissione abbia qualche dubbio circa l'idoneità del soggetto, si procederà ad una prova pratica di guida su un veicolo "adattato in relazione alle particolari esigenze". Il certificato di idoneità rilasciato dalla Commissione Medica Locale vale 90 giorni. Sul certificato di idoneità vengono specificati quali dispositivi il disabile deve applicare sulla propria vettura: saranno gli stessi del foglio rosa e della patente di guida.

Per presentare ricorso

Il candidato può essere considerato non idoneo dalla Commissione Medica Locale solo dopo aver sostenuto la visita medica e la prova di guida. Se il candidato ritiene che l'accertamento cui è stato sottoposto sia insufficiente può astenersi dal firmare il verbale di visita. Oppure, può presentare ricorso e ottenere di essere sottoposto a una nuova visita. Il ricorso va inviato entro 30 giorni dal diniego e a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno, con allegato il documento di diniego debitamente compilato (da richiedere subito dopo la visita alla Commissione Medica Locale) a: Ministero dei Trasporti - MOT 5 - Via Giuseppe Caraci, 36 - 00157, Roma.
Il richiedente sarà poi contattato dalla Direzione Generale della M.C.T.C. e informato della data e del luogo in cui recarsi per il nuovo accertamento. Anche in questa nuova visita il disabile può farsi assistere, a proprie spese, da un medico di fiducia

 

2. L'esame di guida

Dopo aver ottenuto il riconoscimento di idoneità e il foglio rosa, il disabile può preparare gli esami teorici e pratici. Durante l'esame pratico sul veicolo modificato, l'ingegnere della Motorizzazione Civile può confermare gli adattamenti previsti o aggiungerne altri. La patente speciale riporterà gli adattamenti definitivi che il disabile dovrà attivare sulla propria vettura. Il collaudo dei mezzi adattati viene effettuato dalla Motorizzazione Civile presso le officine che hanno curato l'allestimento del mezzo.

3. Il rinnovo

La durata della patente speciale è di 5 anni anche se spesso questo tempo viene diminuito. La Commissione Medica Provinciale deve essere contattata almeno 90 giorni prima della scadenza della patente. Alla richiesta di appuntamento per la visita di idoneità deve essere allegato il certificato medico redatto su apposito modulo e una copia della patente in possesso

4. Test drive

Il disabile che desidera conseguire la patente speciale, può richiedere una prova pratica di guida (Test Drive) che viene svolta in un percorso protetto, adiacente ai locali del CERCAT. Per prenotare è sufficiente contattare l’ing. Michele Bellosguardo cell. 393 9601483 o inviare una mail a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.