Warning
  • Direttiva EU sulla e-Privacy

    Questo sito fa uso di cookies tecnici per gestire il login, la navigazione ed altre funzioni. Utilizzando il nostro sito, date l'assenso a che questi cookies vengano salvati sulla vostra macchina.

    Guarda la Privacy Policy di Cercat

Presentata Convenzione Enea-Escoop PDF Stampa E-mail

BARI-CERIGNOLA, martedì 21 settembre 2010 - ORE 14.38
"E' un progetto che onora e inorgoglisce il Governo regionale perchè s'inserisce pienamente nel solco tracciato in questi anni: trasformare l'idea stessa di assistenza promuovendo e incentivando l'innovazione e la ricerca, l'uso di nuove tecnologie e intercettando quel sistema d'impresa che intende investire nell'economia sociale e civile". Lo ha dichiarato l'Assessore regionale alle Politiche Sociali Elena Gentile, presentando in conferenza stampa la Convenzione di ricerca sottoscritta tra la regione Puglia, l'Enea e l'Escoop per la ricerca congiunta sugli ausili tecnologici nel nuovo centro Cercat di Cerignola.
"Cerignola - ha proseguito l'Assessore - è una città attraversata da reti autostradali, dista solo pochi chilometri dall'aeroporto e, quindi, immaginiamo possa essere facilmente raggiungibile da un'utenza regionale ed extraregionale, giacchè il Cercat vuole essere un Centro di riferimento per Puglia, Molise, Basilicata e Calabria".

JavaScript disabilitato!
Per visualizzare il contenuto devi abilitare il JavaScript dalle opzioni del tuo browser.

 

Alla conferenza stampa erano presenti il Sindaco di Cerignola, Antonio Giannatempo, il Presidente e responsabile della Convenzione per ESCOOP, Paolo Tanese ed il responsabile della Linea di ricerca ENEA, Andrea Zanela. Il Cercat è stato finanziato dalla Regione Puglia per un importo di 500 mila euro ed è gestito dalla Cooperativa Escoop che sviluppa servizi di informazione e di consulenza per compensare la disabilità o la carenza di autonomia attraverso ausili tecnici o soluzioni per l'accessibilità. Il Cercat ha la finalità di dotare la nostra regione di un centro che prenda in carico la persona con difficoltà nel movimento e con difficoltà nelle funzioni e la propria famiglia e li sostenga nella ricerca, acquisizione, collaudo e uso degli ausili che il proprio stato richiede. Con questa Convenzione, l'ENEA mette a disposizione di ESCOOP le proprie competenze nel campo della robotica con l'obiettivo di lavorare per il trasferimento tecnologico al settore degli ausili tecnici e a quello della bioingegneria e della riabilitazione, contribuendo alla progettazione e alla realizzazione di componenti hardware e software ad alta tecnologia, di architetture di controllo innovative e di tecniche algoritmiche. Tali settori sono particolarmente interessati alla progettazione e alla realizzazione di ausili qualificati che consentano di superare vincoli e barriere e concorrano ad aumentare l'autonomia e l'integrazione sociale delle persone che si trovano in condizione di handicap.
I laboratori e le facilities dimostrative del CERCAT consentiranno all'ENEA di sviluppare attività di ricerca sperimentale nella Regione Puglia anche in questo specifico campo. Nel corso degli anni l'ENEA, su sollecitazione di diversi soggetti istituzionali locali e statali e delle associazioni di utenti, ha avviato una serie di iniziative per mettere a disposizione delle imprese del settore e delle persone con esigenze speciali il proprio know-how metodologico e tecnologico. In questo quadro, l'ENEA ha istituito una specifica Linea di Ricerca che ha come obiettivo lo sviluppo della sensoristica e della automazione per l'assistenza fisico-emotiva alla persona nell'ambito del Laboratorio di Robotica. Le suddette attività di Ricerca si concentrano su tre linee: • La ricerca e sviluppo di ausili, sistemi tecnologici e metodi di progettazione integrata per il superamento delle barriere fisiche e degli altri elementi componenti dell'handicap. Si tratta di attività di ricerca di base e applicata su: dispositivi automatici e semi automatici di ausilio alla persona, sistemi di sensori/attuatori, modellistica per la cognizione e l'interazione con il contesto, dispositivi haptics di interfacce uomo/macchina. • Le tecnologie di augmented reality ed i sistemi informativi qualificati per offrire alle persone con esigenze speciali, alle famiglie e alle strutture di assistenza, gli strumenti per operare scelte ottimali e progettare la vita quotidiana secondo le proprie specifiche esigenze individuali. • L'adattamento tecnologico dei processi produttivi e del posto di lavoro per l'integrazione sociale e lavorativa di persone con disabilità.



Fonte Regione Puglia